LA MAGIA DEI LIBRI

La magia dei libri per me è quella cosa che non ti sai spiegare, ma che ti porta a trovare per caso sempre il volume corretto per la situazione in cui ti trovi. Mai provato?

La copertina dell’edizione Einaudi del libro di Murakami “L’arte di correre”

Volevo leggere qualcosa di Murakami che non fosse quel nuovo tomone gigantesco a puntate (ndr. 1Q84). E così ho passato un pomeriggio intero a cercare un titolo della sua collezione che mi ispirasse… Mi passano davanti titoli altisonanti come “Norwegian Wood” e “Tokio Blues” e dopo attenta selezione mi cade l’occhio forse sull’unico romanzo che non è un romanzo, e scelgo di acquistare “L’arte di correre”.

Succede che le mie speranze di apprezzare questo volume si infrangano contro la realtà della noia. E viene accantonato. Sono passati mesi, forse anni e stasera, dopo una domenica di duro lavoro in negozio, di ritorno dalla trincea, io mi butti sul letto e decida che dopo mesi di disinteresse totale alla lettura è ora di ricominciare e tra la moltitudine (esagerata) di libri ancora da leggere io riprenda in mano proprio questo volumetto sfigatello (lasciatemelo dire).

E che non riesca ad alzare gli occhi dal volume per l’intera nottata.

Questa io la chiamo la “magia dei libri”… Non lo so mica spiegare sapete…
Sono come la tua migliore amica dopo una litigata furiosa, quando a mente fredda gli animi si placano. E la ritrovate li, a guardarvi benevola, conscia del bene che vi vuole nonostante i mille difetti che avete.

Per me i libri sono questi. Rimangono in silenzio mentre li ignoro, presa dalla frenesia della vita comune, e sono li benevoli ad attendermi quando ho un guizzo di intelligenza, e di fantasia che mi riporta da loro. Mi coccolano.

Sto attraversando un momento di confusione: non so cosa voglio fare della mia vita, non so cosa voglio lasciare e su cosa invece voglio concentrarmi. Navigo un po’ a vista (come sempre poi del resto). Però la certezza che nel momento del bisogno, in un momento di smarrimento, un libro mi insegnerà sempre la via.

Perché poi io questo Murakami qui, non l’ho scelto mica per caso eh… So che il folletto interno che alberga in ognuno di noi, quello che sa scegliere il giusto libro per il giusto momento di crisi da risolvere, ecco, so che è stato lui a guidarmi verso questo trattato autobiografico sfigatello che però mi sta aiutando a ripigliarmi da una lunga agonia distruttiva di pigrizia. Se non è magia questa, dico io, quale di grazia?

E voi? Forze misteriose che vi spingono a scegliere il libro giusto, o quello irrimediabilmente sbagliato?
Non ne sapete niente?

S.

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...