PERSUASIONE (Jane Austen) | BOOK REVIEW

Un tuffo nel mio passato di lettrice, con questa recensione di Persuasione di Jane Austen. Immersi nelle atmosfere di Bath e dell’Inghilterra del 1800, assaporo il romanticismo puro, quello da cui prendono spunto tutte le storie d’amore. E mi innamoro di nuovo di questa scrittrice dal cuore tenero.

LUI, LEI, E LA PERSUASIONE

Mettiamo una lei, un lui, un grande amore, e un ostacolo. In questo caso è la PERSUASIONE. Un antagonista sottile, quasi impercettibile, come l’arte del convincimento da parte di persone influenti sulla nostra mente. E come potrete immaginare a questo punto l’equazione traballa. Eh si, perchè la bella Anne Elliot, se lo sarebbe proprio sposato il suo Frederick Wentworth. Perchè un capitano di marina, figaccione e di buone maniere – voglio dire – quando ti ricapita? Ma la famiglia Elliot mira ad un matrimonio di maggiore convenienza. Il rampollo marinaretto ha poca grana per osare chiedere in sposa una nobile come lei. D’altro canto i ragazzi sono giovani, non sanno cosa sia l’amore. E via dicendo.

UN GIORNO, PER CASO, DOPO OTTO ANNI

E così passano gli anni, otto per l’esattezza, e gli sfortunati protagonisti di questa disavventura si ritroveranno per caso, cresciuti, ma nientemeno che ancora innamorati. Solo che hanno sbagliato scrittrice. Perchè alla Austen piacciono i fraintendimenti e i contrattempi. E una volta sembra che Wentworth si stia fidanzando con un’altra, e un’altra sembra che a fidanzarsi con un altro sia Anne. Insomma non ci facciamo mancare il solito tram tram da soap opera in pieno stile frou frou.

DAI, CHE CE LA FACCIAMO

Il finale io non ve lo racconterei, ma lo sapete meglio di me: Jane Austen è un’inguaribile romantica. Quindi immaginate perfettamente il finale. Se posso dire la mia, il bello di questa autrice è proprio questo: si leggono questi grandi classici per dare respiro al proprio cuore, per sognare un pò. Perchè in questo mondo esiste ancora l’amore puro; questo mondo è uno specchio che riflette i buoni sentimenti.

UN OPERA CHE FA RIFLETTERE

Questo romanzo mi spinge a pensare a tutte le volte che l’opinione di qualcuno ci abbia fatto agire in una maniera o in un’altra. E posso dire ancora con più fermezza, dopo aver letto questa meravigliosa storia, che voglio essere scelta da qualcuno, nonostante tutto. E quel “nonostante tutto” vuole dire molte cose: voglio essere scelta nonostante non sia perfetta, nonostante sia chiassosa, irritante, o nonostante io non piaccia agli amici, o alla famiglia del mio innamorato. Voglio essere scelta senza pensare a quale sarebbe la soluzione più conveniente. Per qualcuno non sarò forse la migliore, ma sarò perfetta per quello giusto.
E Jane Austen con il suo Persuasione, vince ancora alla grande, anche nel 2016. Avanti così.

DEVI LEGGERE QUESTO LIBRO SE:

Leggi questo libro se hai un cuore tenero; se ti commuovi ancora davanti ad una storia romantica; se riesci a farti coinvolgere dalle emozioni degli altri; se sei partecipativo; se vuoi innamorarti ma ancora non hai trovato la persona giusta; oppure se ti sembra di esserti dimenticato che cosa significhi l’amore e che effetti abbia sulle persone.

Annunci

Un pensiero su “PERSUASIONE (Jane Austen) | BOOK REVIEW

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...